Top 5 piatti tipici del Lago di Garda

 

Pesce d’acqua dolce,
ma non solo: ecco alcuni dei migliori piatti da guastare per provare la cucina
tipica gardesana

 

L’estrema varietà è uno dei grandi pregi della cucina italiana. Ogni piccola e remota area del belpaese può contare sulle sue specialità locali e, non per vantarsi, solitamente non deludono.
L’area sud-gardesana non poteva certo fare eccezione. A metà tra le province di Brescia e Verona, la cucina del basso Garda ha da offrire piatti in grado di soddisfare qualsiasi palato: sapori forti o delicati, piatti leggeri o sostanziosi.
Il pesce di lago, come è giusto che sia, gioca un ruolo importante nel valorizzare il territorio in ambito culinario, ma le opzioni sono tante.

Ecco alcuni piatti da provare assolutamente:

  1. Luccio e polenta. Il luccio è uno dei grandi protagonisti delle acque del Garda, un pesce dal sapore deciso e molto caratteristico. Il modo migliore per gustarlo? In salsa gardesana e accompagnato da polenta. La salsa viene preparata con olio, aglio, alici tritate, aceto, capperi e alloro. Un must per chi ama i prodotti ittici.

  2. Risotto all’amarone. Tipico e apprezzatissimo piatto della sponda veronese. Il risotto all’amarone unisce il tradizionale Riso Vialone Nano all’eccellenza dell’Amarone della Valpolicella: un rosso infallibile. La lista degli ingredienti comprende anche midollo di bue, cipolla, Grana Padano e brodo di carne per insaporire il tutto. Una bomba!

  3. Sarde in Saor. Questa è un’antica ricetta veneziana, adottata anche dai gardesani nel periodo di dominazione della serenissima. Il saor è un tipico metodo dei navigatori per conservare le sarde in agrodolce con un condimento di cipolle cotte con aceto e caramellate. Per gustare il sapore autentico di questo piatto è buona norma consumarlo a distanza di un giorno dalla preparazione.
    Un consiglio? Accompagnatele con un bicchiere di Lugana.

  4. Lesso e pearà. Un piatto della tradizione povera con origini molto antiche. Il lesso e pearà è quel tipico piatto che preparano le nonne, dal quale si sta lontani da bambini e di cui ci si innamora da grandi. Il piatto si compone di un bollito di carne (di solito manzo, ma anche pollo) e una salsa ottenuta dal brodo usato per il bollito, dal pane grattugiato e dagli aromi rilasciati da ossa contenenti il midollo di bue, il tutto con le giuste dosi di sale e pepe.

  5. Bigoli con le sarde. Un primo piatto che unisce i bigoli (un particolare tipo di pasta ruvida che trattiene molto bene i condimenti) e le sarde pescate nel lago. La preparazione è semplice e il gusto è delicato e autentico. Un consiglio: attenzione a pulire bene il pesce, le spine possono dare qualche grattacapo.